mercoledì 19 novembre 2014

Marx & Foucault. Lectures, usages, confrontations. Colloque International Nanterre-Paris, 18-20 Déc. 2014


Marx & Foucault. Lectures, usages, confrontations

Colloque International
Nanterre-Paris, 18-19-20 Décembre 2014

Sous la responsabilité de Christian Laval, Luca Paltrinieri,
Ferhat Taylan
Comité d’organisation : Stéphane Haber, Christian Lazzeri, Christian Laval,
Luca Paltrinieri, Emmanuel Renault, Pierre Sauvêtre, Ferhat Taylan

et le laboratoire Sophiapol (Université Paris Ouest
Nanterre La Défense)
avec le soutien du Centre Michel Foucault

1ère Journée. Foucault lecteur de Marx
Université de Paris Ouest Nanterre La Défense
Salle de Conférences, Bâtiment B

Matin : 9h00-12h30

Ouverture : 

Christian Laval, Luca Paltrinieri,
Ferhat Taylan
Présidence : Emilie Hache

09h30-10h00 Christian Laval
(CIPh/Sophiapol, Paris Ouest Nanterre La Défense) :
«Le pouvoir productif»
10h00-10h30 Rudy Leonelli (Università di Bologna) :
« Foucault lecteur du Capital »

10h30-10h45 Discussion
Pause

11h00-11h30 Jason Read (University of Southern Maine) :
«Being Productive: Work and Subjectivity in Marx
and Foucault»

 
11h30-12h00 Alberto Toscano (Goldsmiths, London) :
«Of Sub-Powers and Surplus-Profits:
Money, Capital
and Class-struggle in Foucault»
12h00-12h30 Discussion

Après-midi 14h15-18h
Présidence : Mathieu Potte-Bonneville

14h15-14h45 Jean-François Bert
(IRCM, Université de Lausanne) :
«Cartographier les marxismes avec Foucault :
les années 1950 et 1960»


14h45-15h15 Manlio Iofrida (Università di Bologna) :
« Michel Foucault entre Marx et Burckhardt :
esthétique, jeu, travail»

15h15-15h45 Roberto Nigro (CIPh/ZHDK Zurich) :
«...Communiste nietzschéen. L’expérience
Marx de*Foucault»

15h45-16h15 Discussion
Pause

16h30-17h00 Ferhat Taylan (CIPh/Université Bordeaux III) :
«La place de Marx : des Mots et
les Choses à La
Société punitive»

17h00-17h30 Hervé Oulc’hen (BelPD-COFUND
, Université de Liège) :
«Stratégie et praxis : Foucault et Sartre
lecteurs des enquêtes historiques de Marx»

17h30-18h Discussion

giovedì 13 novembre 2014

notarella sul vano espediente del "Pugno duro" e/o "Muso duro" invocato dal sindaco di Bologna

 


03/06/14 - Scuola, Merola a muso duro con Sel e sindacati: "Basta   ...

 30/06/14 - Merola invoca il pugno duro sulle manifestazioni 

 12/11/14 - Anche Merola vuole chiudere l’Aula C. La difesa degli attivisti

                                                                                             
                        *
fotomontaggio
da: entilocali.usb.it

mercoledì 12 novembre 2014

«Filosofi animali cyborg» 19/11 Dip. di storie culture e civiltà, Unibo v. Zamboni 38

Mercoledì 19 novembre
dalle ore 15.00 alle ore 17.00
 Aula 1 via Zamboni 38

Il rapporto tra l'uomo e gli altri animali è diventato in questi ultimi anni tema acceso di dibattito e nodo problematico di base, confermando l'espressione testamentaria di Jacques Derrida che ci ha consegnato "la questione animale" come argomento filosofico del futuro.

Questione che arriva all' Università Di Bologna con un incontro organizzato in collaborazione tra Officine Filosofiche e la redazione di Animal Studies. Rivista Italiana di Antispecismo (Novalogs). 


se ne discuterà in un incontro aperto a tutti dal titolo «Filosofi, animali, cyborg».

lunedì 10 novembre 2014

Étienne Balibar : « Pour les résistants de Kobané »

Francine Bajande
    Francine   Bajande

 Par Étienne Bailbar, philosophe
Francine Bajande
par Étienne Balibar, philosophe

Francine Bajande
par Étienne Balibar, philosophe
Francine Bajande
par Étienne Balibar, philosophe
«Alors que la situation évolue d’heure en heure, il semble que le pire puisse être évité : une répétition de Varsovie, écrasée par les nazis sous les yeux de l’Armée rouge attendant de tirer les marrons du feu… Les Américains ont fini par se coordonner avec les combattants au sol et même la Turquie semble avoir été contrainte d’entrouvrir la frontière, permettant à des renforts d’arriver. Espérons que la ville soit sauvée, arrêtant l’avancée islamiste.Dans le peu de place dont je dispose, avec les informations qui sont les miennes, je voudrais insister sur deux points. D’une part, à cheval sur la frontière, se développent des formes de solidarité, d’autogestion et d’autodétermination qui confèrent à la résistance, non seulement la signification d’une lutte nationaliste, mais celle d’une expérimentation démocratique. Cela rompt avec les traditions du PKK (et du PYD) auxquelles les gouvernements occidentaux consacrent toujours la plus grande partie de leurs commentaires. Ensuite, cette résistance commence à retentir dans toute la région, des étudiants iraniens jusqu’aux associations de femmes turco-kurdes. Cela voudrait dire que des choses capitales sont en germe à Kobané. Une politique de civilité qui cherche à retenir toute la région sur la pente de l’ext exterminisme, dont tant de massacres et d’interventions ont préparé les conditions. Et des acteurs qui perturbent le jeu des tyrannies, des fanatismes, des populismes et des impérialismes. Cet espoir est bien ténu, mais il est vital. »

                                                 l'Humanité, 22, Octobre, 2014

Torino, lettera aperta a Gramellini - U Velto

Egregio dr. Gramellini, mi lasci dire che il suo commento di sabato 25 ottobre alla notizia dello “sdoppiamento” della linea di autobus n. 69 nel Comune di Borgaro mi ha proprio sconcertato. E per più di un motivo.



In primo luogo perché lei afferma che il provvedimento preso dal sindaco . Proprio così ha detto: . Ma come ricorda? Non lo ricorda per nulla:è proprio apartheid, bello e buono apartheid! Cioè esattamente l’opposto delle integrazione che lei afferma essere l’unica soluzione possibile del problema. Peccato però che essa richieda tempo,lei lamenta. E quindi, nelle more, poiché non ci si può limitare a e ,va bene istituire una “navetta”, che faccia la spola, senza fermate intermedie,tra il campo nomadi e il capolineae farci viaggiare i Rom e solo i Rom,riservando la linea 69 solo ai non Rom, cioè ai gagé, abolendo la fermata del 69.
Ma si rende conto che così l’apartheid è completa? I Rom, che già sono segregati nel , vengono segregati anche sui mezzi pubblici di trasporto! Perché non è vero, dr. Gramellini, che . Invece sono proprio tutti eguali: sono brutti, malsani, degradati, dei veri e propri luoghi di segregazione etnica dove vengono rinchiuse a forza le comunità di una minoranza linguistica, a cui, dopo averla ricoperta con cumuli di prevenzioni e pregiudizi, non vengono riconosciuti nemmeno i diritti elementari, quali il rispetto della dignità personale, il diritto ad abitare civilmente, a procurarsi di che vivere con un lavoro normale. Non vivono di espedienti per scelta, ma per necessità. Nessuno infatti dà lavoro a un maschio Rom; e ad una donna Rom non si affida nemmeno la pulizia delle scale di un piccolo condominio.
Non rispettano le leggi? Assai spesso è vero, come per ogni sottoproletariato: è arduo infatti rispettarle se non si può vivere che di espedienti. Ma quante volte si attribuiscono ai Rom colpe e comportamenti che non sono loro e quante volte si ingigantiscono fatti senza dubbio riprovevoli e si trasformano singoli episodi in prassi generalizzate. A riprova, lei stesso cita l’episodio di un padre che a Borgaro smarrisce un bambino ed accusa i Rom di averlo rapito; io gliene potrei citare tanti altri a dimostrazione di quanto frequente e grave sia la propalazione di notizie false a carico dei Rom; mi limito a due: il pogrom della Continassa e l’uccisione a Roma nel 2008 della signora Reggiani, che, attribuita ad un Rom, dette la stura a una violenta campagna mediatica antizigana; l’uccisore, però,un tal Mailat, Rom non era.

E veniamo alla vicenda che ha motivato lo “sdoppiamento” della linea 69. In quel che lei ha raccontato senza dubbio c’è del vero, comportamenti insopportabili ed inaccettabili da parte dei Rom certamente ci sono stati. Ma da come lei l’ha riferita si potrebbe pensare che tutti i giorni i Rom, saliti sull’autobus 69, sputassero in faccia ai vecchi e bruciassero e tagliassero i capelli alle ragazze. Le sembra verosimile? Lo ha verificato? E per quanto tempo sarebbe durata questa storia?
Per l’esperienza che ho di un mondo che frequento abbastanza, penso che la contrapposizione tra i due fronti si sia andata costruendo progressivamente e che la tensione tra i due, innescata chissà da quale episodio, sia andata via via crescendo insieme ai gesti di intolleranza e di offesa, senza che nessuno sia intervenuto per gestire una situazione sempre più pesante. Fin quando è esplosa in modo eclatante. Quanto meno ci sono state inerzia ed incuria da parte di chi ha tra i suoi compiti istituzionali quello di darsi carico della coesione sociale, specialmente quando e dove ci sono sacche di disagio grave.

Su di un punto però sono d’accordo con lei: per . Verissimo. Infatti,occorrerebbe anzitutto che fossero le istituzioni per prime a rientrare nel rispetto delle norme e della legalità, eliminando i campi nomadi (la cui ill
egittimità è stata solennemente sancita da sentenze del Consiglio di Stato e della Corte di Cassazione) ma non semplicemente abbattendoli e lasciando all’addiaccio chi in qualche modo vi aveva trovato rifugio. E poi occorrerebbe un’opera intelligente e sistematica di avvicinamento tra gagé e Rom, perché si conoscano e si riconoscano reciprocamente, superino diffidenze e sospetti, scoprano l’infondatezza di pregiudizi e prevenzioni o per lo meno li ridimensionino.

E’ questo che avrebbero dovuto fare, anche prima, il sindaco e l’ assessore di Borgaro e che lei, in mancanza, avrebbe dovuto consigliare loro, e non solo a loro, commentando la vicenda. Questo ci si aspetta dai media, in particolare da una trasmissione come Che tempo che fa e da chi, come lei, vi svolge un ruolo di maitre à penser.
                                      di Nino Lisi, Cittadinanza e Minoranze